News
SE FOSSI UN BANCHIERE.....
Intanto, occorre partire dall'assetto del Sistema bancario.
Un sistema basato su leggi efficaci ed una supervisione attenta è il fondamento della crescita economica.
In questo sistema bisogna sapersi inserire, riconoscendo, in primo luogo, il valore del risparmio quale elemento essenziale per lo sviluppo cui tutti devono contribuire. In modo particolare, dirigendo il flusso di risparmio non verso usi speculativi, ma verso utilizzi ed obiettivi che privilegino la produzione e l'investimento durevole.
Il banchiere non rappresenta solo il mondo della finanza, ma è un attore del modello di responsabilità necessario a far funzionare la società ed orientarla, in un quadro di iniziativa libera, verso finalità volte al benessere.
Non andrà mai tradita questa missione.
Il privilegio di pochi non dovrà mai oscurare la ricerca del benessere per la maggior parte dei cittadini: lavoratori, clienti, investitori, tutti equamente fruitori di un benessere ottenuto nella piena osservanza delle regole, salvaguardando l'interesse generale. Guardando, cioè, al risultato prodotto dal lavoro, ma anche al modo in cui esso è stato ottenuto.
Allora, pensare di essere un banchiere, non un burocrate, è un modo per darsi un obiettivo ancora più alto, per una sfida con se stessi e col mondo.
Aprire all'impresa è un dovere: ma come?
Selezionando e sostenendo quelle iniziative che meritano di essere incoraggiate, facendo in modo che rischio imprenditoriale e ricerca di un giusto ritorno sull'investimento siano effettivamente conciliabili.
Ma può un banchiere avere un'anima autenticamente sociale o quest'anima sociale -se presente- costituirà, invece, una sorta d’intruso capace di ostacolarne il ruolo?
La risposta è molto diretta e concreta: il banchiere deve saper selezionare gli investimenti, secondo regole precise, che lascino quote di utilizzo del capitale di rischio anche a coloro che si affacciano per la prima volta sul mercato, con idee coraggiose e progetti innovativi.
La sola difesa del mercato esistente diventa politica di parte, se esclude il nuovo e si limita a perpetuare il vecchio, lasciandolo, comunque, abbandonato a se stesso.
Inoltre, il banchiere deve lavorare con una squadra manageriale, assortendo un team dotato di competenze tecniche e di creatività, nel quale l'onestà dei comportamenti non deve essere ostacolo, ma requisito fondamentale ed imprescindibile per ciascuno dei componenti.
Il banchiere, quindi, avverte la tentazione e i richiami del potere, ma deve saperli ricondurre a un ambito creativo e realistico, sia evitando sogni di grandezza e onnipotenza, sia superando una visione di semplice gestione dello stato delle cose.
Il banchiere deve porsi il tema del lavoro.
La missione della banca, se ridotta a leva per generare profitti finanziari costruiti mediante operazioni spericolate è, in sé, diseducativa.
Non si può pensare di crescere professionalmente per il solo fatto di aver frequentato università ed istituzioni accademiche che, in realtà, avversano, spesso, la solidarietà, insegnando a coltivare una forsennata competizione e predicando, contemporaneamente, il disprezzo dell'individuo e l'esaltazione della soggettività, fino ad arrivare ad elevare al rango di "eroi" figure manageriali ed imprenditoriali senza cultura e senza etica.
A questo proposito - pur non trattandosi specificamente di un banchiere - ricordo, con un senso di smarrimento, la lezione che tale Sig. Briatore tenne ai giovani dell'Università Bocconi alcuni anni fa: quale modello si stava loro proponendo?
Il banchiere deve avere rispetto per il lavoro: il lavoro è il punto di partenza della società, ciò che nobilita l'azione dell'uomo e la distingue; il lavoro è la dignità stessa della persona, è ciò che ne realizza l'essenza positiva; è la via per piegare la natura al bene.
Perciò ogni azione che possa essere distruttiva del lavoro o riduttiva dei suoi risultati dovrebbe essere evitata, a prescindere dal credo religioso o civile di ciascuno.
Il banchiere, infine, dovrebbe essere uomo di cultura, non solo uomo (o donna) di erudizione.
Persona colta, di attente letture, capace di riconoscere il senso ed il valore della cultura tecnica ed umanistica come un tesoro cui attingere; acqua alla quale bere per dissetarsi e, soprattutto, rinnovarsi.
La cultura alla quale qui mi riferisco non vuole essere intesa, in astratto, come la conoscenza stratificata di nozioni, ma come la capacità di far vivere il pensiero nell'azione: ovvero, mettere in pratica le idee per cercare, e trovare, le soluzioni.
Forse non esiste e non esisterà mai il banchiere al quale io penso.
Ma, in fondo, io immagino semplicemente un uomo per il quale il desiderio di vivere, conoscere, confrontarsi, realizzare precede la brama di successo e di autoaffermazione.
Insomma, una persona che ascolta la coscienza e vuole agire per cambiare le cose.
Lando Maria Sileoni
Segretario Generale F.A.B.I.
Condividi
 
Ultimissime
Comunicati
17/11/2017
Comunicati
16/11/2017
Fabi Giovani
16/11/2017
Fabi Giovani
16/11/2017
Fabi Giovani
16/11/2017
Comunicati Stampa
Appuntamenti
Spinetta Marengo (AL)
Congresso Provinciale SAB di Alessandria
Congresso Provinciale SAB di Alessandria 
Piacenza
Congresso Provinciale SAB di Piacenza
Congresso Provinciale SAB di Piacenza 
Camerano (AN)
Congresso Provinciale SAB di Ancona
Congresso Provinciale SAB di Ancona 
Rovigo
Congresso Provinciale SAB di Rovigo
Congresso Provinciale SAB di Rovigo 
Matera
Congresso Provinciale SAB di Matera
Congresso Provinciale SAB di Matera 
 
 
F. A. B. I.    Federazione Autonoma Bancari Italiani - www.fabi.it - federazione@fabi.it   Via Tevere, 46 - 00198 Roma - Tel. 06 8415751 - Fax 06 8552275 Informativa Cookies