Background Image
Previous Page  2 / 4 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 2 / 4 Next Page
Page Background www.fabi.it

PROMOTORI FINANZIARI, 25MILA

IN CERCA DI TUTELE CONTRATTUALI

Cresce l’interesse

dei gruppi bancari

nei confronti di

queste figure. Da

Mps, Unicredit, Bnl,

Intesa Sanpaolo e

Bpm, l’imperativo

categorico è di

potenziare l’offerta

fuori sede.

Da adesso in poi si

stima che faranno

il loro ingresso

sul mercato oltre

1.500 professionisti

all’anno

S

empre più spazio nelle

banche italiane ai pro-

motori finanziari, i co-

siddetti professionisti

del risparmio, coloro che gui-

dano le scelte d’investimento

dei clienti. Secondo stime di

settore, sono destinati a fare il

loro ingresso sul mercato, da

adesso in poi, circa 1.500 pro-

motori all’anno. Gli ultimi piani

industriali dei maggiori gruppi

bancari, parlano, infatti, di una

crescita dell’offerta fuori sede.

A cominciare dal gruppo Inte-

sa Sanpaolo, seguito a ruota da

Unicredit, Bpm, Bnl e Mps. Di

pari passo aumentano le esi-

genze di tutele contrattuali per

questi professionisti. L’allarme

arriva da Assonova, l’associa-

zione dei promotori finanziari

supportata dalla Fabi. «Attual-

mente circa 25mila promotori

in Italia - e mi riferisco a quel-

li che non sono dipendenti di

banche - non hanno un accordo

economico collettivo specifico

che ne tuteli la professionali-

tà», denuncia Alessio Amadori,

presidente di Assonova. «Rite-

niamo quanto mai necessario

avviare un confronto con Abi

e Assoreti, che coinvolga tut-

te le associazioni di categoria

esistenti, per iniziare a ragio-

nare su un accordo collettivo

a tutela della professione. Uno

strumento che servirà anche

per garantire la qualità dei ser-

vizi offerti alla clientela. Altro

interlocutore al quale ci stiamo

rivolgendo è il Governo, a cui

chiediamo d’intervenire con

apposita normativa civilistica,

che riconosca le peculiarità e

l’evoluzione di questi profes-

sionisti del risparmio», spiega

Amadori. Nei prossimi anni

quella del promotore finanzia-

rio sarà destinata a diventare

una figura chiave nell’orga-

nizzazione dei gruppi bancari.

Alle prese con una significativa

trasformazione dei modelli di

business, a causa anche dell’a-

vanzata dell’home banking,

gli istituti di credito dovran-

no, infatti, puntare soprattutto

sulla consulenza specializzata

per aumentare i propri livelli

di redditività. I maggiori grup-

pi creditizi del paese lo sanno

bene e hanno già cominciato ad

aggredire il mercato. Il gruppo

Mps, ad esempio, nel prossimo

triennio si propone, attraverso

Widiba, d’ingaggiare circa mil-

le promotori, di cui 600 già re-

clutati. Anche Bpm, a partire da

aprile, darà il via al reclutamen-

to di quei 300 consulenti finan-

ziari che andranno a potenziare

la rete, come scritto nell’ultimo

piano industriale. Bnl, da parte

sua, tramite Life Banker punta

a creare un nucleo di 600 pro-

fessionisti entro il 2018. Non è

da meno il gruppo Intesa San-

paolo, che dopo la chiusura del

contratto nazionale, farà parti-

re il polo del private banking,

frutto della combinazione di In-

tesa Sanpaolo Private Banking,

Fideuram Investimenti e Banca

Fideuram, e che si avvarrà di

una corposa rete di promotori,

con utili stimati entro il 2017

in 0,4 miliardi. Unicredit, in-

vece, sta reclutando circa 200

promotori nella sua controllata

Fineco. La sottoscrizione di un

accordo collettivo specifico, che

tuteli la categoria, si rende an-

cor più necessario con l’entrata

in vigore della Mifid 2, prevista

entro l’anno, che introdurrà

una serie di nuovi vincoli per

il promotore finanziario. «Bi-

sogna evitare che le banche

approfittino dell’attuale incer-

tezza di regole per utilizzare

i promotori con le più ampie

flessibilità incontrollate, allo

scopo di scardinare progressi-

vamente l’area contrattuale del

credito», dice Giuseppe Milaz-

zo, segretario nazionale della

Fabi. «Per questo è urgente co-

minciare un percorso negoziale

che porti alla definizione di un

accordo collettivo di settore, in

modo tale da valorizzare e tute-

lare questi professionisti della

finanza, pur garantendone l’au-

tonomia». (Flavia Gamberale).

L’allarme di FABI

e Assonova:

«Serve unaccordo

collettivo per

tutelare questi

professionisti»

IlSole24Ore

Im

Giovedì5Marzo2015-N.63

LAVORO

Credito/1.

Daisindacati larichiestaallebancheeadAssoretidiun tavoloperragionaresuun’intesaa tuteladellaprofessione

I promotori incercadi contratto

Agenti di vendita a provvigione ora premono per un accordo collettivo di categoria

CristinaCasadei

p

Intesa Sanpaolo. Ma anche

Unicredit.EpoiMps,Bpm,Bnl.È

neigrandigruppibancarichesista

affermandosempredipiùlafigura

delpromotore finanziario.Ilpro-

fessionistadelrisparmio.Persona

conosciutaericonosciutasulterri-

torio, sempre con lavaligetta in

mano,sacomeentrarenellecase

deiclientiperguidareleloroscelte

di investimento.Diquestiprofes-

sionisticenesono25milaesecon-

dostimedisettore,diquiinpoi,ne

verrannoassunti 1.500ognianno.

Nienteaffattoconbuonapacedei

sindacati.Perché?Sipone ilpro-

blema dell’inquadramento con-

trattuale.Questiprofessionistiche

ruotano intornoall’universoban-

carioconsumando le suoledelle

scarpesonoagentidivendita,pa-

gati aprovvigione cheperònon

hanno le tutele contrattuali dei

bancari.Daanniormaisonoriuniti

inun’associazione,Assonova,sup-

portatadalmaggiorsindacatodel

credito,laFabi,eallebanchechie-

donodientraresottol’alaprotettri-

cediuncontrattocollettivonazio-

nalediriferimento.Quellodelcre-

dito?Magarinonesattamentevi-

sto che questa è una figura

autonoma,macertamente ipro-

motorichiedonounsaltodiqualità

che li facciaandarealdi làdella

provvigione.

«Attualmentecirca25milapro-

motori in Italia -emi riferiscoa

quellichenonsonodipendentidi

banche -nonhannounaccordo

economico collettivo specifico

chene tuteli laprofessionalità»,

denunciaAlessioAmadori,presi-

dentediAssonova. Ipromotori

che prestano la propria opera

pressole“reti”sonoancoratrattati

comesempliciagentidivendita,

untipod’inquadramentocontrat-

tualeche«nontienecontodellelo-

ro specificitàedel loro statusdi

professionistidellafinanza»,spie-

gasempreAmadori.

Proprioperquestoarrivadalla

base larichiestadiuntavolocon

AbieAssoretichecoinvolgatutte

le associazionidi categoria esi-

stenti,per iniziarearagionaresu

unaccordocollettivoatuteladel-

la professione.Uno strumento

cheserviràanchepergarantirela

qualità dei servizi offerti alla

clientela.Manonèsolo inAbie

Assoreticheipromotoricercano

uninterlocutore,èanchenelGo-

verno,acuichiedonodiinterveni-

reconappositanormativacivili-

sticachericonoscalepeculiaritàe

l’evoluzionediquestiprofessio-

nistidelrisparmio.

L’evoluzione è professionale,

maèanchenumerica,vistochesi

parladi25milaprofessionistiinun

settore, ilcredito,dove lavorano

309milabancari.Standoainumeri

dioggi.Destinatiacrescereperché

questafigura,secondogliaddettiai

lavori,diventeràunafigurachiave

neigruppibancari.Imodellidibu-

sinessstannocambiando,avanza

l’homebanking,eleaziendestan-

nofacendocrescerelaconsulenza

specializzata.DaAssonova spie-

ganocheilgruppoMpsnelprossi-

motriennioavrebbepianificatodi

ingaggiare,attraversoWidiba,cir-

ca 1.000promotori.AncheBpm

avvieràabreve ilreclutamentodi

300consulenti finanziarichean-

drannoapotenziare larete.Men-

treBnl,tramiteLifebankerpuntaa

creareunnucleodi600professio-

nistientroil2018.IlgruppoIntesa

Sanpaolosubitodopo ilcontratto

nazionaleavvieràilpolodelPriva-

tebanking, fruttodellacombina-

zionedi IntesaSanpaoloPrivate

Bankingchesiavvarràdiunacor-

posaretedipromotori.Unicredit,

invece, inFineco sta reclutando

circa200promotori.

Perisindacatidelcredito,aque-

stopunto,ènecessariounaccordo

collettivo specifico. Soprattutto

adessocheentreràinvigorelaMi-

fid2,previstaentrol’anno,chein-

trodurràunaseriedinuovivincoli

per ilpromotore. Inparticolare,

unoche imponealprofessionista

unaprestazione indipendente ri-

spettoallabanca/retepercuilavo-

ra.«Bisognaevitarechelebanche

approfittinodell’attuale incertez-

zadiregoleperutilizzareipromo-

toriconlepiùampieflessibilitàin-

controllate,conl’obiettivodianda-

reascardinareprogressivamente

l’areacontrattualedelcredito»,di-

ceilsegretarionazionaledellaFa-

bi,GiuseppeMilazzo.Perquesto

«èurgentecominciareunpercor-

sonegozialecheportialladefini-

zionediunaccordocollettivodi

settore,inmodotaledavalorizzare

etutelarequestiprofessionisti,pur

garantendonel’autonomia».

©RIPRODUZIONERISERVATA

IPROMOTORI

25

mila

Lapopolazione

Ipromotorifinanziariche

lavoranoneigruppibancari

italiani,secondolestimedi

Assonovasono25mila

1.500

Leassunzioni

Ognianno,infuturo,i

sindacatiprevedonoche

verrannoingaggiati1.500

professionisti

INUMERI

Sitrattadi25mila

lavoratoridestinati

acrescere:moltiistituti

hannoinfattiinprogramma

nuoviinserimenti

Credito/2.

Nelrinnovosiallunga l’ombradiun ipoteticopatto traAbie ilGoverno

LaFabi blinda l’area contrattuale

p

Dismantellare l’areacontrat-

tualeeconsentire leuscite facili

nonseneparla.Ilsegretariogene-

raledellaFabi,LandoMariaSileo-

ni, ieriseraè ripartitodaMilano

con in tascaconfermeperniente

rassicurantisulrinnovodelcon-

trattodei309milabancari.«Alcu-

ni banchieri sostengono che, in

casodimancatoaccordoentro il

31marzo,l’Abiabbiagiàintascaun

accordodimassimaconilGover-

noche,incasod’intervento,elimi-

neràl’areacontrattuale,dandoal-

lebanchelapossibilitàdilicenzia-

re-diceSileoni-.Noinoncredia-

mo, invece,che siarrivia tanto,

cheilGovernopossaaccontenta-

re lebanchesuunargomentoso-

cialmentecosìdelicato».Leinfor-

mazioniriservateappresedalsin-

dacalistaallavigiliadell’incontro

dioggiinAbipreparanounclima

già surriscaldatoprima che l’in-

contro-incuisidovràaffrontareil

temadegliinquadramenti-inizi.

Già la scorsa settimana inAbi

«sièsfioratalarottura,comeara-

gionehadichiaratoancheilsegre-

tariogeneraledellaUil,Carmelo

Barbagallo»,ricordaSileoni.Oggi

siaspettanoevoluzioni.Certose

lenotizietrovasseroconfermauf-

ficiale-peroranocommentdiAbi

-mostrerebberoche lebanchesi

stannoportandoavantiincasodi

scenari avversi,quindididisap-

plicazionedalprimo aprile.Per

Sileoni«l’Abiha treobiettivi: in-

terrompere la crescitadinamica

delcostodellavoro,rinnovareun

contrattodiserieCesmantellare

l’areacontrattualeperarrivareai

licenziamenti facili». Sul primo

obiettivo,oggilaFabichiederàad

Abi«diconoscere,nelsegnodella

trasparenza, gli stipendi dei 35

componentidell’esecutivoAbie

l’andamentodeglistessistipendi

negliultimi5anni-diceSileoni-.Si

entranelpienodellatrattativa,ma

lepremessenonsonopositive».

C.Cas.

©RIPRODUZIONERISERVATA

MEDIA

Tv.

Codapolemicaper lasceltadelprogrammaMediasetdirivelare inanticipo ilnomedelvincitore -Sivaversoazioni legali

Masterchef, scontroSky-Striscia

Oggi la

messa in onda della finale - Ascolti record per la quarta edizione della serie

AndreaBiondi MILANO p «ASkycredo

siagiàpronta la

rebbeinfattiimpossibile,dadoma-

ni,organizzareinItaliaanteprime

difilm,presentazionidifiction,di

tempodelprogrammaèvistodagli

spettatoriinmediasenzacambia-

re)èdell’82%eneidiversiepisodi

conodaBarilla -èunaproposta

giovaneeavvincentechebensico-

niugaconilbrandVoiellocheoggi

SARABUSIOL

HowtoSpend it.

Do

L’avven

l’anima

di

NicolettaPollaMattiot

u

Continuadapagina1

vventura e velocit

meoccasionidime

allaprova,saperpr

Agliassistenti

divoloEasyjet

aumentidel7%

Easyjetesindacatideitrasporti

hannorinnovatoilcontrattodegli

assistentidivolodellacompagnia.

LaFiltCgilnazionalehaspiegato

cheilcontrattointeressacirca

700addettidelpersonale

navigantedicabina,avrà

decorrenzadal1aprile2015fino

al31marzo2018eprevede

aumenticomplessividel7%,

ancheperassicurazioniper

malattieeinfortunie

l'introduzionedellaprevidenza

complementaredisettore.

Trasportoaereo

Innovazione

Telespazio

aNapoli

resterà

unpresidi

VeraViola

p

Soluzioniinvistaperlas

napoletana diTelespazio,

rinviodelledecisionisuSca

no, inprovinciadiPalerm

sintesi, ilresocontodell’in

trochesièsvoltoieriaRoma

iverticidiFinmeccanicaeT

spazioeirappresentantisi

calidicategoria.Lavolontà

lasocietàdichiudere lese

NapoliediPalermo,trasfe

do ilpersonaleaRoma,è

questionechetienedainizio

nocon ilfiatosospesouna

santinadi famiglie,echec

volgeimpresedell’indotto,

tridiricercaepersinoistituz

locali interessateamante

sulproprio territorio lese

Telespazioperl'altoconte

tecnologicoe innovativod

sue attività.Più nel detta

nell’incontrodiieri,perlapr

volta, società e capogru

hannomostratodisponibili

lasciare aNapoliunpresi

anchesedipiccoledimensi

Sopratuttoalloscopodipor

avantialcuniprogettidiric

finanziatidallaUeesucuis

coinvoltealtrepiccoleem

impreselocali.Nonèchiaro

vesarà localizzata lanuova

de,inquantoallaoffertadel

dispaziall’internodellapro

strutturanonèstatadataan

alcunarisposta.Nonsolo,i

ticidiFinmeccanicaeTele

ziohannofattoaperturean

supossibilicollocazionide

voratori(33idipendentiog

organico)inpartepressoil

vopresidionapoletano,inp

aRoma,masubasevolonta

consostegnoalreddito,inp

pressoaltreaziendedelgru

DellasedediScanzano(Pa

mo) invece si parlerà nel

contro previsto per do

mattina.

©RIPRODUZIONERIS