My Generation N° 1 Anno 2015 Background Image
Table of Contents Table of Contents
Previous Page  4 / 26 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 4 / 26 Next Page
Page Background

4

banca al servizio dell’occupazione e

del Paese. Abbiamo proposto, cioè,

di cambiare il modello di sviluppo

partendo dal motore e ci siamo messi

a disposizione, come categoria, per

fare la nostra parte.

Le piazze che abbiamo invaso come

un’onda imprevista hanno meravi-

gliato tutti, forse persino noi stessi.

Un mare mosso che si è alzato con

l’orgoglio di rappresentare l’anello di

congiunzione tra il sistema finanzia-

rio e la società civile e la rabbia di chi

rifiuta di essere una cavia su cui te-

stare modelli economici scopiazzati

(male) dai salotti comodi degli ana-

listi creativi.

Abbiamo nuotato in mezzo alla folla

con la consapevolezza di essere più

di noi stessi e più di una sola catego-

ria. Abbiamo nuotato affermando,

ancora una volta, l’orgoglio della no-

stra storia di lotta e rivendicando un

futuro possibile per tutti.

In piazza c’erano anche tanti giovani,

mai abbastanza però. Perché dobbia-

mo essere i primi a lottare per co-

struire il nostro futuro. Dobbiamo

dare forma alla nostra immaginazio-

ne, perché la realtà non può e non

deve essere soltanto tragedia. Io,

mentre parlavo dal palco di Raven-

na, ho immaginato la piazza come

una grande onda di pensieri inarre-

stabili pronta a travolgere e conta-

minare con la sola forza delle idee

l’arroganza dei banchieri, inondare

di buon senso le tappezzerie dei sa-

lotti buoni, bagnare di responsabilità

gli arazzi e dare una nuova forma alla

realtà. Una nuova realtà che, per

quanto difficile, è possibile e si chia-

ma futuro.

Editoriale

ditoriale

E

“PORTO IN ITALIA L’ESPERIENZA

AMERICANA DEL COWORKING,

OSSIA DEL CONDIVIDERE GLI SPAZI

DI LAVORO”. COSÌ DAVIDE DATTOLI,

25 ANNI, HA CREATO IL BUSINESS

DEGLI UFFICI IN CONDIVISIONE,

DOVE ATTUALMENTE OLTRE 500

GIOVANI PROFESSIONISTI E

CREATIVI DI OGNI SETTORE

S’INCONTRANO PER LAVORARE E

METTERE A FATTOR COMUNE IDEE

E PROGETTI. ENTRO L’ANNO

SARANNO APERTE TRE NUOVE

SEDI A BARCELLONA, ROMA E

MILANO. IN PARTICOLARE NEL

CAPOLUOGO LOMBARDO SARÀ

INAUGURATA UN’AREA DI

COWORKING DEDICATA AL CIBO,

CHE INTERAGIRÀ CON L’EXPO E

S’ISPIRERÀ A GOOGLE FOOD

cala 40

S