My Generation N° 5 Anno 2016
Table of Contents Table of Contents
Previous Page  34 / 38 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 34 / 38 Next Page
Page Background

34

perto. In Piemonte è considerato

una delle migliori verdure da intin-

gere cruda nella bagna cauda. Infi-

ne, può anche essere fritto allo stes-

so modo delle patate o ridotto in

purea. Per quanto riguarda la cot-

tura, ridotti a cubetti richiedono

una cottura di circa 10 minuti se

cotti a vapore. Dopo cotti si posso-

no condire con burro e prezzemolo.

E per una conservazione ottimale,

si consiglia di riporlo in un luogo

fondamentale nella dieta dei diabe-

tici. A differenza delle patate, infat-

ti, il topinambur non contiene ami-

do. Particolarmente indicato per chi

vuol perdere peso e riattivare l’in-

testino pigro, il topinambur è in

grado di abbassare il livello di as-

sorbimento degli zuccheri e dei

grassi da parte dell’intestino, tenen-

do così sotto controllo i livelli glice-

mici e il colesterolo. L’inulina favo-

risce poi lamotilità intestinale, pre-

viene la formazione di gas, riequili-

bra la flora intestinale e favorisce la

strato che il consumo di topinam-

bur favorisce la produzione di latte

nelle donne in gravidanza.

Se vi venisse la curiosità di scoprire

in quanti e quali modi il topinam-

bur può essere degustato vi consi-

glio una visita al paese di Carigna-

no, in provincia di Torino. Qui da

diversi anni si svolge la “Sagra del

Ciapinabò”, nome dialettale con cui

i piemontesi indicano il nostro pro-

tagonista di oggi.

Mille nomi, un unico ortaggio: ecco

come il silenzioso topinambur ri-

Enogastronomia

nogastronomia

E

IL TOPINAMBUR È UN ORTAGGIO

POCO CALORICO. 100 GRAMMI

DI TOPINAMBUR CRUDO

APPORTANO AL NOSTRO

ORGANISMO CIRCA 73 CALORIE.

È COSTITUITO DA UNA BUONA

QUANTITÀ DI ACQUA

E SALI MINERALI

sulta essere un tubero molto pre-

sente nella nostra tradizione culi-

naria.

Se ne avete la possibilità, provate a

coltivare il topinambur nell’orto o

in vaso. La coltivazione del topi-

nambur è semplice e simile a quella

delle patate e in questomodo lo po-

trete avere a disposizione a costo

zero.

n

digestione. Cosa ancora più impor-

tante, il topinambur non contiene

glutine ed è, quindi, consumabile

anche da chi soffre di celiachia. È

ricco di vitamina A e B e di arginina,

che aiuta il fegato e la cicatrizzazio-

ne dei tessuti. Essendo un alimento

dalle spiccate proprietà energeti-

che, infine, è indicato nella dieta di

anziani, bambini e sportivi e in ge-

nerale delle persone convalescenti.

Recenti studi, inoltre, hanno dimo-

fresco e buio oppure in frigorifero,

avvolto in un sacchetto di carta.

Il topinambur è un ortaggio poco

calorico. 100 grammi di topinam-

bur crudo apportano al nostro or-

ganismo circa 73 calorie. È costitui-

to da una buona quantità di acqua

e sali minerali e, soprattutto, è una

preziosa miniera di inulina, un po-

limero glucidico che può diventare