INTESA: ecco perch? l’accordo ? saltato

INTESA: ecco perch? l'accordo ? saltato

iv style=”text-align: justify”>La FABI torna a farsi sentire sul piano d’impresa Intesa Sanpaolo 2011-13, che prevede fino a 10mila eccedenze di personale e una riduzione del costo del lavoro di 300 milioni di euro nel triennio.

Ieri l’azienda, con una lettera inviata alle organizzazioni sindacali, ha annunciato la chiusura della trattativa, dicendosi pronta ad attuare unilateralmente il piano di contenimento costi.
La trattativa si è infatti conclusa senza accordo tra le parti.
E oggi Mauro Bossola, Segretario generale aggiunto FABI, ha spiegato chiaramente sulle colonne di Milano Finanza i motivi della rottura.
Lunedì la banca ha presentato ai sindacati una bozza di accordo che prevedeva l’uscita obbligatoria dei 3mila lavoratori pensionabili e pre-pensionabili in esubero.
“Una bozza impercorribile”, ha dichiarato Bossola a Milano finanza, “visto che disattende totalmente le nostre richieste”.
“In primo luogo la riduzione di 3 mila lavoratori prevede uscite obbligatorie di personale, a partire da chi ha maturato i requisiti pensionistici.
In secondo luogo, per le 5 mila riconversioni la proposta sospende le tutele contrattuali e aziendali sui trasferimenti, i trattamenti di mobilità e gli accordi di armonizzazione”.
Ecco perché l’accordo è saltato. “I sindacati”, ha aggiunto Giuseppe Milazzo in una dichiarazione a Il Sole 24 Ore di oggi, “chiedono che gli esodi siano tutti volontari e incentivati”.
Inoltre, ha sottolineato Milazzo, “alla richiesta di esodi volontari per tutti abbiamo anche allegato quelle di rimpiazzare le uscite con le assunzioni dei precari del gruppo e dei giovani con il contratto di solidarietà espansiva”.
Adesso le segreterie nazionali della FABI e degli altri sindacati stanno lavorando per ricucire lo strappo e arrivare a un accordo che non penalizzi i lavoratori.
Milano 21/07/2011
“STRAGRANDE MAGGIORANZA PREFERISCE LAMENTARSI PIUTTOSTO CHE FARE”

23/05/2022 |

“STRAGRANDE MAGGIORANZA PREFERISCE LAMENTARSI PIUTTOSTO CHE FARE”

La Fabi ricorda la strage di Capaci, in occasione dei 30 anni dall’attentato, citando Giovanni …

PRESSIONI COMMERCIALI, SUL SOLE24ORE IL DOSSIER FABI

21/05/2022 |

PRESSIONI COMMERCIALI, SUL SOLE24ORE IL DOSSIER FABI

Il settimanale Plus pubblica l’elenco delle casistiche di minacce e violenze verbali subite dalle lavoratrici …

I SINDACATI RITROVANO IL DIALOGO CON BNL E FIRMANO TRE ACCORDI

20/05/2022 |

I SINDACATI RITROVANO IL DIALOGO CON BNL E FIRMANO TRE ACCORDI

La Fabi e le altre organizzazioni sindacali hanno raggiunto l’intesa sul Vap con un premio …