Intesa Sanpaolo ha avviato le procedure per licenziare 137 lavoratori dell'istitituo di credito parmigiano, ma la FABI non ci sta: "pronti a intraprendere iniziative, anche legali, contro la banca coinvolgendo le altre organizzazioni sindacali"">

MONTE PARMA, LA FABI IN CAMPO CONTRO I LICENZIAMENTI

Intesa Sanpaolo ha avviato le procedure per licenziare 137 lavoratori dell’istitituo di credito parmigiano, ma la FABI non ci sta: “pronti a intraprendere iniziative, anche legali, contro la banca coinvolgendo le altre organizzazioni sindacali”
MONTE PARMA, LA FABI IN CAMPO CONTRO I LICENZIAMENTI

le=”text-align: justify”>

Intesa Sanpaolo ha avviato le procedure per licenziare 137 lavoratori di Banca Monte Parma, ma la FABI non ci sta ed è pronta ad attuare inziative, anche legali, per contrastare le decisioni aziendali e tutelare i dipendenti
“L’eco delle dichiarazioni del neo-Ministro Corrado Passera su coesione sociale e sviluppo sostenibile”, ha attaccato oggi la Segreteria nazionale della FABI, “non si è ancora spento, che il Gruppo da lui guidato fino a pochi giorni fa ha intrapreso la strada del licenziamento di 137 dipendenti della Banca del Monte di Parma”.
“Infatti”, ha denunciato la FABI in una nota inviata a tutti i mezzi d’informazione, “con una lettera consegnata ieri ai sindacati aziendali, il Gruppo Intesa Sanpaolo, dopo avere unilateralmente disdettato il contratto integrativo aziendale, ha avviato la procedura prevista dalla Legge 223/91 per l’avvio dei licenziamenti collettivi nello storico istituto bancario”.
“Si tratta di decisioni gravissime, che mal si accordano con le dichiarazioni ufficiali del Gruppo e con una storia di relazioni sindacali che – fino al recentissimo passato – ha dato risultati positivi per entrambi le parti e per i lavoratori”.
“Questo strappo, deciso non si sa dove nè da chi vista l’assenza del nuovo CEO Cucchiani, compromette gravemente il clima e le relazioni sindacali a livello di Gruppo”.
“Per i suoi effetti dirompenti rischia inoltre di avere ripercussioni per l’intero settore, coinvolto come non mai dal difficilissimo momento congiunturale, alla vigilia del rinnovo del contratto nazionale di lavoro”.
“La Segreteria Nazionale della FABI, stigmatizzando tale decisione, è quindi impegnata a ripristinare le condizioni per un confronto civile e rispettoso dei diritti e della dignità dei lavoratori e delle lavoratrici della Banca del Monte di Parma”.
“A questo fine intraprenderà ogni azione utile, comprese quelle legali, coinvolgendo le altre Organizzazioni Sindacali rappresentative del Credito”.
Parma 03/12/2011
MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

27/02/2024 |

MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

Il segretario nazionale della Fabi intervistato da Manuela Donghi, all’interno della trasmissione Next economy, torna …

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

26/02/2024 |

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

Servizio del telegiornale di Rai Uno. Lo studio della Federazione Autonoma Bancari Italiani sulla salita …

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

26/02/2024 |

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

Massima copertura mediatica sui dati della Federazione sull’aumento del costo del denaro e sugli effetti …

09/01/2024 11:00 | Milano

Riunione Comitato Direttivo Centrale

09/01/2024 14:00 | Milano

128° Consiglio Nazionale

10/10/2023 14:30 | Videoconferenza

Riunione Coordinamento Nazionale Gruppo Bancario ICCREA

18/10/2023 14:30 | Riccione (RN)

6^ Conferenza Nazionale dei Servizi

12/06/2023 11:00 | Roma

Riunione Comitato Direttivo Centrale