L'appello della FABI e degli altri sindacati al Ministro del Lavoro, Elsa Fornero: "Con nuova manovra, a rischio 20mila lavoratori bancari già collocati o in procinto di esser collocati sul Fondo di Solidarietà. Il Ministro intervenga"">

MANOVRA, NESSUNO TOCCHI I BANCARI IN ESODO

L’appello della FABI e degli altri sindacati al Ministro del Lavoro, Elsa Fornero: “Con nuova manovra, a rischio 20mila lavoratori bancari già collocati o in procinto di esser collocati sul Fondo di Solidarietà. Il Ministro intervenga”
MANOVRA, NESSUNO TOCCHI I BANCARI IN ESODO
I sindacati bancari, Fabi in testa, lanciano un appello al Ministro del Lavoro, Elsa Fornero, per difendere dagli effetti della manovra governativa i lavoratori bancari in procinto di essere collocati sul Fondo di Solidarietà, cha già hanno pagato il duro prezzo delle ristrutturazioni aziendali.
"Gli accordi sindacali nel settore credito stipulati entro il 31/10/2011", premettono i sindacati, "hanno individuato nominalmente, circa 20.000 lavoratori che accederanno, secondo tempi programmati, al Fondo di Solidarietà o alle prestazioni pensionistiche".
"Il D.L. 210 del 6/12/2011", spiegano la FABI e le altre organizzazioni sindacali, "perpetuando una tradizione di barbarie giuridica ampiamente praticata dal precedente Governo sembra aver annullato, con effetto retroattivo, per i lavoratori non ancora nel Fondo o in quiescenza, i diritti acquisiti in materia di accesso alle prestazioni straordinarie del Fondo di Solidarietà, di maturazione delle prestazioni pensionistiche, di modalità di calcolo della pensione".
Ma le sigle del credito lanciano un allarme anche sugli scenari futuri che si prospettano per il settore del credito.
"Tutti i piani industriali del settore, in questa ipotesi", sottolineano, "subirebbero radicali cambiamenti con nuove gravissime tensioni occupazionali ed il rischio di attuazione della Legge nr. 223/91 sui licenziamenti collettivi.
"Il Fondo di Solidarietà di settore, interamente autofinanziato e comparabile alla mobilità lunga verrebbe così totalmente discriminato rispetto agli ammortizzatori sociali degli altri settori produttivi".
"Ministra Fornero, per queste ragioni", ribadiscono la FABI e le altre organizzazioni sindacali, "le chiediamo un gesto di radicale discontinuità con una strategia di Governo che nonostante l'apparente valorizzazione irrideva, invece, gli accordi liberamente sottoscritti dalle Parti Sociali, nell'assoluto rispetto delle normative vigenti, ed i conseguenti diritti acquisiti.
Le chiediamo, perentoriamente, un intervento eticamente giusto, giuridicamente corretto, politicamente responsabile in sintonia con i principi programmatici enunciati dal Governo Monti".

Roma 13/12/2011

v>

MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

27/02/2024 |

MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

Il segretario nazionale della Fabi intervistato da Manuela Donghi, all’interno della trasmissione Next economy, torna …

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

26/02/2024 |

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

Servizio del telegiornale di Rai Uno. Lo studio della Federazione Autonoma Bancari Italiani sulla salita …

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

26/02/2024 |

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

Massima copertura mediatica sui dati della Federazione sull’aumento del costo del denaro e sugli effetti …

09/01/2024 11:00 | Milano

Riunione Comitato Direttivo Centrale

09/01/2024 14:00 | Milano

128° Consiglio Nazionale

10/10/2023 14:30 | Videoconferenza

Riunione Coordinamento Nazionale Gruppo Bancario ICCREA

18/10/2023 14:30 | Riccione (RN)

6^ Conferenza Nazionale dei Servizi

12/06/2023 11:00 | Roma

Riunione Comitato Direttivo Centrale