Dopo una trattativa durata quasi un anno, concluso il confronto sugli esodi relativi al progetto Banca Unica: i 301 prepensionamenti avverranno solo su base volontaria. Previsti 50 nuove assunzioni e il mantenimento dei vecchi accordi aziendali">

BANCO POPOLARE, SUGLI ESODI C?? L?ACCORDO

Dopo una trattativa durata quasi un anno, concluso il confronto sugli esodi relativi al progetto Banca Unica: i 301 prepensionamenti avverranno solo su base volontaria. Previsti 50 nuove assunzioni e il mantenimento dei vecchi accordi aziendali
BANCO POPOLARE, SUGLI ESODI C?? L?ACCORDO

le=”text-align: justify”>

Esodi solo su base volontaria e validità fino al 30 giugno 2012 di tutti gli accordi aziendali ad oggi in vigore nelle banche del Gruppo.
In materia di VAP 2011, inoltre, è stato definito un comune orientamento a mantenere sostanzialmente gli stessi livelli economici del premio 2010.
Porte aperte, infine, a 50 nuove assunzioni di giovani nel 2012 con contratti difensivi, in parte finanziati con le risorse accantonate dal Fondo di Solidarietà secondo il piano “Social Hour”.
Questi i principali punti dell’accordo siglato all’alba di stamane dal Banco Popolare e dalle organizzazioni sindacali riguardante il piano industriale 2011-15 e il progetto banca Unica.
L’intesa disciplina i pre-pensionamenti relativi al biennio 2012-13: questi saranno in totale 301 e avverranno soltanto su base volontaria.
Quanto agli accordi aziendali sottoscritti nelle singole aziende del banco Popolare, la cui efficacia in precedenza era stata messa in discussione dal progetto Banca Unica che mirava ad omologarli, si è stabilito una proroga della loro validità fino al 30 giugno: sono così salvi tutti gli accordi integrativi aziendali e le attuali previsioni in materia di agibilità sindacali.
è stata, infine, istituita una commissione bilaterale delegata all’analisi delle polizze vita e della previdenza.
Soddisfatto il Coordinamento FABI in Banco Popolare.
“Siamo riusciti a garantire che gli esodi avvenissero su base volontaria. Un buon risultato, alla luce della non facile situazione attuale”, ha commentato il Coordinamento.
“Inoltre abbiamo salvaguardato la validità dei vecchi accordi aziendali e i livelli economici di quello che sarà il VAP 2011, in modo tale che nessun lavoratore del Gruppo sia penalizzato dal Progetto Banca Unica”, conclude il Coordinamento FABI.
MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

27/02/2024 |

MUTUI E MERCATO IMMOBILIARE, XAUSA A GIORNALE RADIO

Il segretario nazionale della Fabi intervistato da Manuela Donghi, all’interno della trasmissione Next economy, torna …

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

26/02/2024 |

FABI AL TG1 ORE 13: L’AUMENTO DEI TASSI FRENA IL MERCATO IMMOBILIARE

Servizio del telegiornale di Rai Uno. Lo studio della Federazione Autonoma Bancari Italiani sulla salita …

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

26/02/2024 |

MUTUI E TASSI D’INTERESSE: LA FABI SU TV, RADIO E AGENZIE

Massima copertura mediatica sui dati della Federazione sull’aumento del costo del denaro e sugli effetti …

09/01/2024 11:00 | Milano

Riunione Comitato Direttivo Centrale

09/01/2024 14:00 | Milano

128° Consiglio Nazionale

10/10/2023 14:30 | Videoconferenza

Riunione Coordinamento Nazionale Gruppo Bancario ICCREA

18/10/2023 14:30 | Riccione (RN)

6^ Conferenza Nazionale dei Servizi

12/06/2023 11:00 | Roma

Riunione Comitato Direttivo Centrale