UBIBANCA, PREOCCUPAZIONE FABI PER LE ESTERNALIZZAZIONI

Citterio: “L’operazione incide su più poli territoriali in Italia prevedendo l’esternalizzazione di circa 100 dipendenti. Un’operazione figlia del Piano Industriale di acquisizione delle tre Bridge Bank del 2017, in cui BCE ha imposto un preciso piano di riduzione degli organici sino al 2020”

UBIBANCA, PREOCCUPAZIONE FABI PER LE ESTERNALIZZAZIONI

“Quanto deliberato da UbiBanca crea molta preoccupazione all’interno dell’intero Gruppo Ubi. L’operazione infatti incide su più poli territoriali in Italia perché prevede l’esternalizzazione di circa 100 dipendenti. Un’operazione figlia del piano Industriale di acquisizione delle tre Bridge Bank del 2017, in cui la Bce ha imposto un preciso piano di riduzione degli organici sino al 2020.

Alle organizzazioni sindacali ora spetta il compito di dare una chiara risposta politica all’azienda e di tutela ai colleghi interessati”. Lo dichiara  il coordinatore Fabi gruppo UbiBanca, Paolo Citterio, commentando il trasferimento dei rami di azienda Ubiss ad Accenture Service e BCube da parte del gruppo Ubi annunciato ieri alle organizzazioni sindacali. Sono 100 i dipendenti coinvolti in questa operazione che continua il percorso del piano industriale 2016-2020 del gruppo per proseguire il percorso di semplificazione organizzativa e razionalizzazione delle attività “no core”. La stipula dei contratti di cessione avverà entro il 31 dicembre 2019.

 

 

 

UBI BANCA: FABI, PREOCCUPAZIONE PER ULTIME ESTERNALIZZAZIONI = Roma, 27 lug. (AdnKronos) – ”Quanto deliberato da UbiBanca crea molta preoccupazione all’interno dell’intero Gruppo Ubi. L’operazione  infatti incide su più poli territoriali in Italia perché prevede l’esternalizzazione di circa 100 dipendenti. Un’operazione figlia del piano industriale di acquisizione delle tre Bridge Bank del 2017, in cui la Bce ha imposto un preciso piano di riduzione degli organici sino al 2020. Alle organizzazioni sindacali ora spetta il compito di dare una chiara risposta politica all’azienda e di tutela ai colleghi interessati”. Lo dichiara il coordinatore Fabi gruppo UbiBanca, Paolo Citterio, commentando il trasferimento dei rami di azienda ad Accenture Service e BCube da parte del gruppo Ubi annunciato ieri alle organizzazioni sindacali. Sono 100 i dipendenti coinvolti in questa operazione che continua il  percorso del piano industriale 2016-2020 del gruppo per proseguire il percorso di semplificazione organizzativa e razionalizzazione delle attività ”no core”. La stipula dei contratti di cessione avverrà entro il 31 dicembre 2019.(Mcc/AdnKronos)​

Ubi Banca, Fabi: preoccupano le ultime esternalizzazioni Ora sindacato dia chiara risposta all’Azienda e tuteli lavoratori 
Roma, 27 lug. (askanews) – “Quanto deliberato da UbiBanca crea molta preoccupazione all’interno dell’intero Gruppo Ubi. L’operazione infatti incide su più poli territoriali in Italia perché prevede l’esternalizzazione di circa 100 dipendenti. Un’operazione figlia del piano Industriale di acquisizione delle tre Bridge Bank del 2017, in cui la Bce ha imposto un preciso piano di riduzione degli organici sino al 2020”. Lo dichiara con una nota il coordinatore Fabi gruppo UbiBanca, Paolo Citterio, commentando il trasferimento dei rami di azienda ad Accenture Service e BCube da parte del gruppo Ubi annunciato ieri alle organizzazioni sindacali.
“Alle organizzazioni sindacali ora spetta il compito di dare una chiara risposta politica all’azienda e di tutela ai colleghi interessati – propsegue -. Sono 100 i dipendenti coinvolti in questa operazione che continua il percorso del piano industriale 2016-2020 del gruppo per proseguire il percorso di semplificazione organizzativa e razionalizzazione delle attività ‘no core’. La stipula dei contratti di cessione avverà entro il 31 dicembre 2019”.

Ubibanca, Fabi: Preoccupazione per ultime esternalizzazioni Milano, 27 lug. (LaPresse) – “Quanto deliberato da UbiBanca crea molta preoccupazione all’interno dell’intero Gruppo Ubi. L’operazione infatti incide su più poli territoriali in Italia perché prevede l’esternalizzazione di circa 100 dipendenti. Un’operazione figlia del piano Industriale di acquisizione delle tre Bridge Bank del 2017, in cui la Bce ha imposto un preciso piano di riduzione degli organici sino al 2020. Alle organizzazioni sindacali ora spetta il compito di dare una chiara risposta politica all’azienda e di tutela ai colleghi interessati”. Lo dichiara il coordinatore del sindacato Fabi gruppo UbiBanca, Paolo Citterio, commentando il trasferimento dei rami di azienda ad Accenture Service e BCube da parte del gruppo Ubi annunciato ieri alle organizzazioni sindacali. Sono 100 i dipendenti coinvolti in questa operazione che continua il percorso del piano industriale 2016-2020 del gruppo per proseguire il percorso di semplificazione organizzativa e razionalizzazione delle attività “no core”. La stipula dei contratti di cessione avverà entro il 31 dicembre 2019. ECO NG01 lcr 271640 LUG 19