SILEONI IN DIRETTA A OMNIBUS LA7 LE RICHIESTE AL NUOVO GOVERNO

Il segretario generale della Fabi ospite questa mattina della trasmissione condotta da Frediano Finucci. Dal ripristino dell’articolo 18 alla detassazione degli aumenti contrattuali, ecco tutte le istanze della Federazione per l’esecutivo. Guarda la puntata

SILEONI IN DIRETTA A OMNIBUS LA7 LE RICHIESTE AL NUOVO GOVERNO

Il segretario generale della Fabi ospite questa mattina della trasmissione condotta da Frediano Finucci. Dal ripristino dell’articolo 18 alla detassazione degli aumenti contrattuali, ecco tutte le istanze della Federazione per l’esecutivo. Guarda la puntata

 

 

 

 

Banche: Fabi, se spread sale crescono tassi sui prestiti = (AGI) – Roma, 8 set. – Ogni volta che lo spread aumenta, salgono i tassi sui nuovi prestiti a famiglie e imprese. E’ quanto emerge da una analisi della Fabi che ha analizzato l’andamento del differenziale di rendimento tra titoli di Stato italiani e titoli tedeschi dal 2008 al 2019. “Lo spread fa aumentare i tassi di interesse in quanto aumenta il costo della raccolta delle banche, che hanno circa 400 miliardi di euro di titoli di Stato italiani – osserva il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni – ne consegue che gli istituti di credito spendono di piu’ per acquistare denaro e per finanziarsi: costo di acquisto piu’ alto e conseguentemente prezzo di vendita alla clientela piu’ alto”. (AGI)

TITOLI STATO: FABI, SE LO SPREAD SALE CRESCONO I TASSI SUI PRESTITI =Roma, 8 sett. (AdnKronos) – Ogni volta che lo spread aumenta, salgono i tassi sui nuovi prestiti a famiglie e imprese. È quanto emerge da una analisi della Fabi che ha analizzato l’andamento del differenziale di rendimento tra titoli di Stato italiani e titoli tedeschi dal 2008  al 2019.
Lo spread fa aumentare i tassi di interesse in quanto aumenta il costo della raccolta delle banche, che hanno circa 400 miliardi di
euro di titoli di Stato italiani. Ne consegue che gli istituti di credito spendono di più per acquistare denaro e per finanziarsi: costo
di acquisto più alto e conseguentemente prezzo di vendita alla clientela più alto”, spiega il segretario generale della Fabi, Lando
Maria Sileoni commentando lo studio effettuato dal sindacato autonomo, su dati Banca d’Italia e Bloomberg, tra l’andamento dello spread e l’impatto sui tassi per prestiti e mutui dal governo Berlusconi del 2008 ad oggi, primo esecutivo Conte compreso.
(Tes/AdnKronos)

Fabi: Se spread sale crescono tassi su prestiti Milano, 8 set. (LaPresse) – Ogni volta che lo spread aumenta, salgono i tassi sui nuovi prestiti a famiglie e imprese. È quanto emerge da una analisi della Fabi che ha analizzato l’andamento del differenziale di rendimento tra titoli di Stato italiani e titoli tedeschi dal 2008 al 2019. «Lo spread fa aumentare i tassi di interesse in quanto aumenta il costo della raccolta delle banche, che hanno circa 400 miliardi di euro di titoli di Stato italiani. Ne consegue che gli istituti di credito spendono di più per acquistare denaro e per finanziarsi: costo di acquisto più alto e conseguentemente prezzo di vendita alla clientela più alto. Così il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.