SILEONI: «IN CARIGE COMINCIAMO MALE, TROPPE CHIACCHIERE DI GENTE NOMINATA E NON ELETTA»

Il segretario generale della Fabi avverte azionisti e nuovo management dell’istituto ligure: «Sono pagati per lavorare in silenzio e non per speculare verso il territorio e verso le lavoratrici e i lavoratori della banca»

SILEONI: «IN CARIGE COMINCIAMO MALE, TROPPE CHIACCHIERE DI GENTE NOMINATA E NON ELETTA»

Il segretario generale della Fabi avverte azionisti e nuovo management dell'istituto ligure: «Sono pagati per lavorare in silenzio e non per speculare verso il territorio e verso le lavoratrici e i lavoratori della banca»

 

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

COMUNICATO STAMPA

Carige: Sileoni, cominciamo male, troppe chiacchiere di gente nominata e non eletta

Il segretario generale della Fabi: «Sono pagati per lavorare in silenzio e non per speculare verso il territorio e verso le lavoratrici e i lavoratori della banca»

Roma, 31 gennaio 2020. «In Carige cominciamo male: troppe chiacchiere. Il presidente del Fondo interbancario, Salvatore Maccarone, è stato nominato e non è stato eletto: si muove, invece, come una rock star con proclami e atteggiamenti che hanno sinceramente stufato. La pianti una volta per tutte di fare la prima donna. Ciò vale anche per il neopresidente e per il neoamministratore delegato, Vincenzo Calandra Buonaura e Francesco Guido: si comportino in maniera sobria e riservata, senza dare lezioncine di vita. Nel caso in cui dovesse essere rivisto il piano industriale di Carige, si andrà immediatamente allo scontro, ricordino bene. È indispensabile che certi personaggi la piantino una volta per tutte di ergersi a maestrini, anzi sarebbe opportuno conoscere immediatamente gli emolumenti sia del presidente del Fondo interbancario sia del presidente e dell’amministratore delegato della banca». Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.

 

 

 

 

 

 

Carige: Sileoni, andiamo male; troppe chiacchiere di non eletti (AGI) – Roma, 31 gen. – “In Carige cominciamo male: troppe chiacchiere”. Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, secondo cui “il presidente del Fondo Interbancario, Salvatore Maccarone, e’ stato nominato e non e’ stato eletto: si muove, invece, come una rock star con proclami e atteggiamenti che hanno sinceramente stufato”. “Cio’ vale – prosegue – anche per il neopresidente e per il neo amministratore delegato, Vincenzo Calandra Buonaura e Francesco Guido: si comportino in maniera sobria e riservata, senza dare lezioncine di vita”. “Nel caso in cui dovesse essere rivisto il piano industriale di Carige – avverte il sindacalista – si andra’ immediatamente allo scontro, ricordino bene”. “E’ indispensabile – conclude – che certi personaggi la piantino una volta per tutte di ergersi a maestrini, anzi sarebbe opportuno conoscere immediatamente gli emolumenti sia del presidente del Fondo interbancario sia del presidente e dell’amministratore delegato della banca”. (AGI)Com/Ing 312029 GEN 20

CARIGE: SILEONI (FABI), ‘INIZIAMO MALE, TROPPE CHIACCHIERE’ = Roma, 31 gen. (Adnkronos) – “In Carige cominciamo male: troppe chiacchiere. Il presidente del Fondo interbancario, Salvatore  Maccarone, è stato nominato e non è stato eletto: si muove, invece, come una rock star con proclami e atteggiamenti che hanno sinceramente stufato”. A sostenerlo è il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni che chiede che anche il neopresidente e il neo amministratore delegato “si comportino in maniera sobria e riservata”. Sileoni sottolinea che “nel caso in cui dovesse essere rivisto il piano industriale di Carige, si andrà immediatamente allo scontro”. Il sindacalista, inoltre, chiede “di conoscere immediatamente gli  emolumenti sia del presidente del Fondo interbancario sia del presidente e dell’amministratore delegato della banca”. (Sec/AdnKronos)

Carige, Fabi: Cominciamo male, troppe chiacchiere di gente non eletta Milano, 31 gen. (LaPresse) – “In Carige cominciamo male: troppe chiacchiere. Il presidente del Fondo interbancario, Salvatore Maccarone, è stato nominato e non è stato eletto: si muove, invece, come una rock star con proclami e atteggiamenti che hanno sinceramente stufato. La pianti una volta per tutte di fare la prima donna. Ciò vale anche per il neopresidente e per il neoamministratore delegato, Vincenzo Calandra Buonaura e Francesco Guido: si comportino in maniera sobria e riservata, senza dare lezioncine di vita”. Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.”Nel caso in cui dovesse essere rivisto il piano industriale di Carige, si andrà immediatamente allo scontro, ricordino bene. È indispensabile che certi personaggi la piantino una volta per tutte di ergersi a maestrini, anzi sarebbe opportuno conoscere immediatamente gli emolumenti sia del presidente del Fondo interbancario sia del presidente e dell’amministratore delegato della banca”, conclude Sileoni. ECO NG01 taw 311950 GEN 20