DIGITALE E SMART WORKING, IL CONFRONTO BANCA PER BANCA

Prosegue il ciclo di dibattiti online “La primavera nelle banche: come cambia il settore in tempi di pandemia, smart working e digitale, a difesa dell’occupazione”. Secondo appuntamento dedicato alle nuove tecnologie. Questa volta si confrontano i capi del personale dei maggiori Gruppi bancari e i rispettivi rappresentanti FABI.

DIGITALE E SMART WORKING, IL CONFRONTO BANCA PER BANCA

Come viene affrontata la rivoluzione digitale in banca e secondo quali logiche i principali istituti di credito gestiscono lo smart working: questo il focus della discussione alla quale hanno partecipato i capi del personale Roberto Coita (Mps), Giuseppe Corni (Bper), Emanuele Recchia (Unicredit), e Gianluca Reggioni (‎Crédit Agricole Italia); per la Fabi Guido Fasano, Antonella Sboro, Stefano Cefaloni, Fabrizio Tanara e il segretario generale Lando Maria Sileoni. Il dibattito è stato moderato e condotto da Frediano Finucci (caporedattore TgLa7) che ha introdotto il confronto sottolineando come «il primo grande cambiamento di cui ci dobbiamo occupare è lo smart working, una vera rivoluzione di cui forse non parleremmo se non ci fosse stata la pandemia».

 

È arrivato il momento – ha detto Lando Maria Sileoni, segretario generale Fabi – di parlare chiaro, la nostra posizione su smart working è sempre stata netta: abbiamo deciso, data la pandemia, di andare in deroga al contratto nazionale, ma una volta tornati alla normalità sarà necessaria la volontarietà sull’utilizzo di questo strumento. Le banche lo vorranno utilizzare per abbattere i costi e per distruggere i profili di carriera dei bancari. È chiaro quindi che andrà regolamentato per evitare questi abusi. L’introduzione del digitale nelle banche in forme invasive comprometterà i rapporti con la clientela, allontanando gli istituti di credito da quel ruolo sociale che dovrebbero avere. È legittimo che ogni banca debba porsi come obiettivo il raggiungimento di alcuni traguardi commerciali, ma diventa fondamentale il rispetto della clientela e il rispetto delle persone che lavorano nelle banche. Il ruolo dei sindacati diventa necessario per questo».

Ma Sileoni ha lanciato anche una provocatoria domanda ai capi del personale presenti: «Se vi chiedessero di andare in smart working, cosa rispondereste?».
Quasi tutti i capi del personale, rispondendo, hanno detto che non sarebbero contenti perché per lavorare bene da casa occorre un’adeguata dotazione di mezzi che spesso non c’è e perché una parte fondamentale del lavoro è la relazione con colleghi, capi e i clienti.

«Abbiamo imparato tanto – ha detto Roberto Coita, direttore risorse umane Gruppo Mps – ma quello che dobbiamo fare è tirare fuori il buono, lasciando che lo smart working sia una scelta consapevole e volontaria e che questa scelta si porti dietro delle regole, come la disconnessione. In assoluto con lo smart working ci abbiano guadagnano un po’ tutti: il lavoratore può conciliare tempi di vita e di lavoro».

«Prima della pandemia abbiamo dato delle norme quadro che ora non si applicano per l’emergenza sanitaria. In questo contesto non è vero che conviene a tutti lo smart working» ha risposto Guido Fasano, vice-Coordinatore Fabi Mps.

«Abbiamo dovuto fare di necessità virtù – ha detto Emanuele Recchia, responsabile politiche del lavoro e relazioni industriali Unicredit – facendo grandissimi investimenti in tecnologia per estendere lo smart working innestandolo nelle nostre politiche di welfare e chiedendo ai colleghi cosa ne pensavano e abbiamo portato a casa feedback positivi».

«Tanti lavoratori – ha detto Stefano Cefaloni, coordinatore Fabi Unicredit – sono stanchi e hanno bisogno di riprendere il lavoro di squadra. Se parliamo di conto economico chi ci guadagna è l’azienda: basti pensare anche ai costi degli edifici. Sui clienti le chiusure hanno creato dei problemi. Bisogna uscire da questa situazione e parlare di lavoro agile per capire cosa possiamo davvero fare per lavoratori e collettività».

«Era previsto da noi – ha detto Giuseppe Corni, direttore risorse umane Bper – un progetto che portasse almeno mille dipendenti in modalità lavoro agile e stavamo già facendo un test con 250 persone. Poi è subentrata questa situazione drammatica e abbiamo introdotto lo smart working come misura di protezione individuale. Ma il nostro progetto era in fase di sviluppo, anche culturale, per accogliere questa innovazione e ci siamo ritrovati invece a rincorrere lo smart working. La prospettiva è di portare a termine quel progetto facendo tesoro di quanto successo nel 2020. La pandemia ci ha consentito l’opportunità di fare un test su larga scala».

«I lavoratori – ha detto Antonella Sboro, coordinatrice Fabi Bper – hanno fatto buon viso a cattivo gioco: si sono ingegnati ad affrontare il momento di criticità. Le aziende invece ci hanno guadagnato e non è da sottovalutare il discorso delle pressioni commerciali: quando non c’è un contesto per potersi confrontare diventa tutto più complicato».

«Dobbiamo capire – ha detto Gianluca Reggioni, vice-Responsabile direzione risorse umane Crédit Agricole Italia – quali sono gli effetti di lungo termine che lo smart working ci lascia. E sono discorsi che possiamo affrontare con serenità per trovare punti di equilibrio e una prospettiva che sia conveniente per tutti».

«Per affrontare in maniera serena questo argomento – ha detto Fabrizio Tanara, coordinatore Fabi Crédit Agricole – non si deve ragionare in un’ottica emergenziale, ma valutare tutto in una dimensione di normalità. È proprio lì che dovremo fare delle valutazioni. Per ora più che smart working abbiamo visto esempi di telelavoro con tutte le negatività che si porta dietro questo tipo di approccio al lavoro».

«Quello che ci preoccupa è il dopo Covid – ha concluso Sileoni – perché una volta conclamato che lo smart working fa risparmiare le aziende, sarà opportuno concordare i termini e le modalità di questi cambiamenti».

L’evento, trasmesso in diretta streaming su www.fabi.it e sul profilo Facebook della Federazione autonoma bancari italiani, sarà in onda su Class Cnbc (canale 507 di Sky) sabato 24 aprile alle 13.30.

Roma, 21 aprile 2021

 

L’intervento integrale del segretario generale, Lando Maria Sileoni.

 

Gli highlights dell’evento pubblico organizzato in diretta streaming dalla Fabi il 21 aprile 2021.

Banche: Fabi, alcuni stipendi inopportuni, politica parli = (AGI) – Roma, 21 apr. – “In questo scenario di crisi economica, in assenza di una ripresa economica immediata, gli stipendi di alcuni manager sono inopportuni e anacronistici. Ma ancora piu’ inaccettabile e’ il comportamento delle istituzioni politiche che non una parola ne’ tantomeno una iniziativa hanno preso, almeno fino a oggi, rispetto a questo tema che allontana ancora di piu’ i cittadini dalle Banche e che avvicina sempre di piu’ una nuova ricchezza in mano a pochissime persone”. Lo ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su “Digitale e smart working in banca”. (AGI)Mau (Segue) 211540 APR 21 NNNN

Banche: Fabi, alcuni stipendi inopportuni, politica parli (2)= (AGI) – Roma, 21 apr. – “L’argomento diventa poi socialmente rilevante nel momento in cui certi personaggi si rivolgono ai dipendenti degli istituti di credito e agli addetti ai lavori spacciandosi come dei moderni Mose’, promettendo di tutto e di piu’ in un film gia’ visto decine e decine di volte negli ultimi 20 anni, ma, a differenza di Mose’, le loro promesse sono eccessivamente pagate. E l’argomento diventa ancora piu’ rilevante considerando che tutto il settore bancario, direttamente o indirettamente, ha ricevuto nel passato e nel presente importantissimi finanziamenti dallo Stato e agevolazioni o leggi create ad hoc per il settore. E, di fronte a queste situazioni, gli stipendi di certi manager non possono passare esclusivamente come un atto interno di un’azienda privata perche’ quando una bancariceve un finanziamento o un’agevolazione dallo Stato e’ obbligata, anche moralmente, a comportarsi di conseguenza. Il periodo che stiamo vivendo rappresenta uno dei momenti piu’ tristi e piu’ negativi della storia del settore bancario, scandali e crac bancari compresi, perche’ si dipinge la realta’ per come non e’ e si dipinge il prossimo futuro per come sara’, ma facendo ricadere tutto sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori bancari e della stessa clientela, anche in termini economici”, ha concluso Sileoni. (AGI)Mau 211540 APR 21 NNNN
Banche: Fabi, con societa’ consulenza superlega milionaria = (AGI) – Roma, 21 apr. – “Smart working e digitale sono e saranno sempre di piu’ gli strumenti per abbattere i costi del lavoro a vantaggio esclusivamente dei consulenti e delle porte girevoli che da sempre hanno contraddistinto i rapporti fra Banche e le stesse societa’ di consulenza: scambi di favori, ricchissimi incarichi professionali e assunzioni. Si creera’, insomma, una superlega delle societa’ di consulenza che giocheranno un campionato a parte, caratterizzato esclusivamente da guadagni milionari, a scapito dei posti di lavoro e delle professionalita’ interne alle Banche”. Lo ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su “Digitale e smart working in banca”. “Smart working e digitale saranno anche gli strumenti per alimentare e regolare quei conflitti, gia’ scoppiati, all’interno dei gruppi bancari, fra chi preferisce il rapporto umano clientela-bancario, anche per raggiungere importanti risultati commerciali, e fra chi, invece, vuole mettersi in luce con i propri amministratori delegati, promettendo guadagni e risparmi d’oro per le Banche e conseguentemente dividendi importanti per gli azionisti”, ha aggiunto Sileoni. (AGI)Mau 211556 APR 21 NNNN​
BANCHE: SILEONI, ‘CON SOCIETA’ DI CONSULENZA SUPERLEGA PER GUADAGNI MILIONARI’ = Roma, 21 apr. (Adnkronos) – “Smart working e digitale sono e saranno sempre di più gli strumenti per abbattere i costi del lavoro a vantaggio esclusivamente dei consulenti e delle porte girevoli che da sempre hanno contraddistinto i rapporti fra banche e le stesse società di consulenza: scambi di favori, ricchissimi incarichi professionali e assunzioni. Si creerà, insomma, una superlega delle società di consulenza che giocheranno un campionato a parte caratterizzato esclusivamente da guadagni milionari, a scapito dei posti di lavoro e delle professionalità interne alle banche”. Ad affermarlo è il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su ‘Digitale e smart working in banca’. “Smart working e digitale saranno anche gli strumenti per alimentare e regolare quei conflitti, già scoppiati, all’interno dei gruppi bancari, fra chi preferisce il rapporto umano clientela-bancario, anche per raggiungere importanti risultati commerciali, e fra chi, invece, vuole mettersi in luce con i propri amministratori delegati, promettendo guadagni e risparmi d’oro per le banche e conseguentemente dividendi importanti per gli azionisti”, ha aggiunto Sileoni. (Eca/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 21-APR-21 15:54 NNNN
BANCHE: SILEONI, ‘ALCUNI STIPENDI INOPPORTUNI, POLITICA NON RESTI IN SILENZIO’ = Roma, 21 apr. (Adnkronos) – “In questo scenario di crisi economica, in assenza di una ripresa economica immediata, gli stipendi di alcuni manager sono inopportuni e anacronistici. Ma ancora più inaccettabile è il comportamento delle istituzioni politiche che non una parola né tantomeno una iniziativa hanno preso, almeno fino a oggi, rispetto a questo tema che allontana ancora di più i cittadini dalle BANCHE e che avvicina sempre di più una nuova ricchezza in mano a pochissime persone”. Lo ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su ”Digitale e smart working in banca”. “L’argomento – sottolinea- diventa poi socialmente rilevante nel momento in cui certi personaggi si rivolgono ai dipendenti degli istituti di credito e agli addetti ai lavori spacciandosi come dei moderni Mosè, promettendo di tutto e di più in un film già visto decine e decine di volte negli ultimi 20 anni, ma, a differenza di Mosè, le loro promesse sono eccessivamente pagate. E l’argomento diventa ancora più rilevante considerando che tutto il settore bancario, direttamente o indirettamente, ha ricevuto nel passato e nel presente importantissimi finanziamenti dallo Stato e agevolazioni o leggi create ad hoc per il settore. E, di fronte a queste situazioni, gli stipendi di certi manager non possono passare esclusivamente come un atto interno di un’azienda privata perché quando una banca riceve un finanziamento o un’agevolazione dallo Stato è obbligata, anche moralmente, a comportarsi di conseguenza”. Il periodo che stiamo vivendo, conclude, “rappresenta uno dei momenti più tristi e più negativi della storia del settore bancario, scandali e crac bancari compresi, perché si dipinge la realtà per come non è e si dipinge il prossimo futuro per come sarà, ma facendo ricadere tutto sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori bancari e della stessa clientela, anche in termini economici”. (Eca/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 21-APR-21 15:56 NNNN

Banche, Sileoni (Fabi): Con smart working nasce Superlega società consulenza Roma, 21 apr. (LaPresse) – “Smart working e digitale sono e saranno sempre di più gli strumenti per abbattere i costi del lavoro a vantaggio esclusivamente dei consulenti e delle porte girevoli che da sempre hanno contraddistinto i rapporti fra Banche e le stesse società di consulenza: scambi di favori, ricchissimi incarichi professionali e assunzioni. Si creerà, insomma, una superlega delle società di consulenza che giocheranno un campionato a parte caratterizzato esclusivamente da guadagni milionari, a scapito dei posti di lavoro e delle professionalità interne alle Banche”. Lo ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su ‘Digitale e smart working in banca’. “Smart working e digitale saranno anche gli strumenti per alimentare e regolare quei conflitti, già scoppiati, all’interno dei gruppi bancari, fra chi preferisce il rapporto umano clientela-bancario, anche per raggiungere importanti risultati commerciali, e fra chi, invece, vuole mettersi in luce con i propri amministratori delegati, promettendo guadagni e risparmi d’oro per le Banche e conseguentemente dividendi importanti per gli azionisti”, ha aggiunto Sileoni. ECO NG01 taw 211542 APR 21

Banche, Sileoni (Fabi): Alcuni stipendi inopportuni, politica intervenga Roma, 21 apr. (LaPresse) – “In questo scenario di crisi economica, in assenza di una ripresa economica immediata, gli stipendi di alcuni manager sono inopportuni e anacronistici. Ma ancora più inaccettabile è il comportamento delle istituzioni politiche che non una parola né tantomeno una iniziativa hanno preso, almeno fino a oggi, rispetto a questo tema che allontana ancora di più i cittadini dalle banche e che avvicina sempre di più una nuova ricchezza in mano a pochissime persone”. Lo ha detto il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, durante il dibattito online su ‘Digitale e smart working in banca’. “L’argomento diventa poi socialmente rilevante nel momento in cui certi personaggi si rivolgono ai dipendenti degli istituti di credito e agli addetti ai lavori spacciandosi come dei moderni Mosè, promettendo di tutto e di più in un film già visto decine e decine di volte negli ultimi 20 anni, ma, a differenza di Mosè, le loro promesse sono eccessivamente pagate”.(segue) ECO NG01 taw 211546 APR 21
Banche, Sileoni (Fabi): Alcuni stipendi inopportuni, politica intervenga-2- Roma, 21 apr. (LaPresse) – “E l’argomento – aggiunge Sileoni – diventa ancora più rilevante considerando che tutto il settore bancario, direttamente o indirettamente, ha ricevuto nel passato e nel presente importantissimi finanziamenti dallo Stato e agevolazioni o leggi create ad hoc per il settore. E, di fronte a queste situazioni, gli stipendi di certi manager non possono passare esclusivamente come un atto interno di un’azienda privata perché quando una banca riceve un finanziamento o un’agevolazione dallo Stato è obbligata, anche moralmente, a comportarsi di conseguenza”. “Il periodo che stiamo vivendo rappresenta uno dei momenti più tristi e più negativi della storia del settore bancario, scandali e crac bancari compresi, perché si dipinge la realtà per come non è e si dipinge il prossimo futuro per come sarà, ma facendo ricadere tutto sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori bancari e della stessa clientela, anche in termini economici”, ha detto Sileoni. ECO NG01 taw 211546 APR 21
PRESSIONI COMMERCIALI E SITUAZIONE SETTORE BANCARIO, SILEONI IN DIRETTA SU CLASS CNBC

28/05/2022 |

PRESSIONI COMMERCIALI E SITUAZIONE SETTORE BANCARIO, SILEONI IN DIRETTA SU CLASS CNBC

Lunga intervista del segretario generale della Fabi sul canale finanziario all news: politiche di vendita …

MUTUI E SOFFERENZE, SILEONI IN DIRETTA SU CANALE 5

25/05/2022 |

MUTUI E SOFFERENZE, SILEONI IN DIRETTA SU CANALE 5

Il segretario generale della Fabi ha partecipato alla trasmissione Mattino Cinque condotta da Francesco Vecchi. …

DEUTSCHE BANK, ACCORDO SULLA FORMAZIONE E RICONVERSIONE PROFESSIONALE DEI DIPENDENTI

24/05/2022 |

DEUTSCHE BANK, ACCORDO SULLA FORMAZIONE E RICONVERSIONE PROFESSIONALE DEI DIPENDENTI

Con l’intesa raggiunta il 19 maggio tra la Fabi, le altre sigle, con i vertici …