A RICCIONE TRE GIORNI DI RIUNIONI PER LE RSA FABI IN DEUTSCHE BANK

Fondo pensione, welfare aziendale, proselitismo al centro degli incontri e dibattiti delle rappresentanze sindacali aziendali del gruppo Db. Caldara: «Sappiamo come gestire al meglio i cambiamenti e come trarne beneficio per tutti i nostri colleghi»

A RICCIONE TRE GIORNI DI RIUNIONI PER LE RSA FABI IN DEUTSCHE BANK

Terza e ultima giornata di riunioni, oggi, per il Coordinamento delle rappresentanze sindacali aziendali Fabi del Gruppo Deutsche Bank, nella sala Congressi Hotel Corallo a Riccione. Alla tre giorni di lavori ha partecipato il segretario nazionale, Fabio Scola: si è trattato, come di consueto, di un importante evento di confronto e discussione delle tematiche sindacali aziendali che vede protagoniste le rappresentanze sindacali aziendali. Fabi nel gruppo Deutsche Bank. Nella giornata di oggi è stata approvata all’unanimità, dalle Rsa del gruppo, la mozionale finale

 

L’appuntamento è stato caratterizzato da interessanti dibattiti e nuove proposte per gestire i cambiamenti in atto nell’azienda, considerando anche quanto sta accadendo alla categoria a livello nazionale. Le discussioni si sono focalizzate su diversi argomenti e in particolare fondo pensione, welfare, proselitismo, accordo di riorganizzazione aziendale, sottoscrizione del testo coordinato del nuovo contratto integrativo aziendale. Grande rilievo è stato dato all’obiettivo raggiunto con la sottoscrizione del testo Cia, nell’ambito della quale è stata importante la riconferma della struttura dell’articolato contrattuale. Significativa è stata, inoltre, la sottoscrizione dell’accordo di riorganizzazione. È stata la prima volta in Deutsche Bank nella quale, a fronte di un piano di esuberi di personale dichiarato dall’azienda, le organizzazioni sindacali hanno ottenuto l’inserimento, nell’accordo, dell’impegno da parte della banca a procedere ad un numero alto di assunzioni, oltre all’ottenimento, con l’insourcing, di attività con contestuale riduzione d’esubero di personale.

“In Italia in particolare, dal febbraio del 2020 ad oggi, abbiamo affrontato notevoli difficoltà di adattamento ad un nuovo stile di vita, ad un nuovo modo di lavorare, di creare reddito; l’economia del nostro Paese ha subito gravi danni che richiederanno molti anni per poter essere riassorbiti, ma noi della Fabi sappiamo come gestire al meglio i cambiamenti e come trarne beneficio per tutti i nostri colleghi” dichiara il coordinatore Fabi nel gruppo Deutsche Bank, Riccione, 10 settembre 2021.

Riccione, 10 settembre 2021

«RISTRUTTURAZIONI IN BORSA ITALIANA DA NEGOZIARE COI SINDACATI»

18/09/2021 |

«RISTRUTTURAZIONI IN BORSA ITALIANA DA NEGOZIARE COI SINDACATI»

Comunicato di Fabi, First Cisl e Fisac Cgil: «Aperto uno sportello per verificare la posizione …

SEGNALAZIONI DEI CLIENTI, AL VIA L’ARBITRO DEL PARLAMENTO

18/09/2021 |

SEGNALAZIONI DEI CLIENTI, AL VIA L’ARBITRO DEL PARLAMENTO

Dopo la denuncia della Fabi sulle pressioni commerciali, parte a fine mese la piattaforma voluta …