OK A SETTIMANA CORTA E SMART WORKING IN INTESA SANPAOLO

Con l’intesa raggiunta oggi dalla Fabi le altre sigle e i vertici di Cà de Sass i dipendenti del gruppo avranno a disposizione 120 giorni annui di lavoro agile, fruibili in perfetto equilibrio fra attività in presenza e da remoto, e le giornate lavorative saranno di 4×9 con diritto alla disconessione. Citterio: «Superati gli accordi individuali e confermata la centralità del contratto nazionale, modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione»

OK A SETTIMANA CORTA E SMART WORKING IN INTESA SANPAOLO

Con l’intesa raggiunta oggi dalla Fabi le altre sigle e i vertici di Cà de Sass i dipendenti del gruppo avranno a disposizione 120 giorni annui di lavoro agile, fruibili in perfetto equilibrio fra attività in presenza e da remoto, e le giornate lavorative saranno di 4x9 con diritto alla disconessione. Citterio: «Superati gli accordi individuali e confermata la centralità del contratto nazionale, modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione»

 

Accordo fra sindacati e Intesa su settimana corta e smart ++ Lavoro di 4 giorni e tetto a smart di 120 giorni (ANSA) – ROMA, 26 MAG  È stato sottoscritto oggi dalla FABI e dalle altre organizzazioni sindacali un accordo con il gruppo Intesa Sanpaolo per regolare smart working, settimana corta di 4 giorni di 9 ore ciascuno e disconnessione. Lo rende noto il sindacato autonomo FABI. Per lo smart working, in particolare, viene fissato un tetto a 120 giorni annui, che sale a 140 giorni per alcune tipologie di lavorazioni, fruibili, in entrambi i casi, nell’ambito di un corretto equilibrio fra attività in presenza e da remoto; viene riconosciuto un buono pasto di 4,50 euro. (ANSA). DOA 2023-05-26 17:57 S0A QBXB ECO
FABI, ‘l’accordo con Intesa supera i contratti individuali’ Citterio: i collettivi metodo migliore per gestire i cambiamenti (ANSA) – ROMA, 26 MAG – “Quello di oggi è un accordo importante che, raccogliendo il contributo dei tanti colleghi che hanno partecipato alle recenti assemblee, consente di superare i contratti individuali, ribadendo quindi che gli accordi collettivi sono il modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione”. Questo il commento del coordinatore FABI Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio all’accordo su settimana corta e smart working per il gruppo bancario. “Con l’accordo siglato oggi, tra altro, viene introdotta in via sperimentale la settimana corta, da 4 giorni per 9 ore ciascuno, in circa 250 filiali del gruppo. Obiettivo della FABI è estendere a tutti i colleghi della rete la possibilità effettiva di fruire dello smart working e della settimana corta. Confermando la centralità del contratto nazionale si è ribadito inoltre che l’adibizione allo smart working non rappresenta strumento e/o presupposto di rami d’azienda oggetto di future esternalizzazioni, così come non incide sulle modalità di misurazione della prestazione lavorativa del dipendente” aggiunge Citterio. (ANSA). DOA 2023-05-26 18:01 S04 XQKL ECO
Intesa Sp: FABI, accordo su settimana corta e smart working = (AGI) – Roma, 26 mag. – E’ stato sottoscritto oggi dalla FABI e dalle altre organizzazioni sindacali un accordo con il gruppo Intesa Sanpaolo per regolare smart working, settimana corta 4×9 e disconnessione. Per lo smart working, in particolare – spiega una nota – viene fissato un tetto a 120 giorni annui, che sale a 140 giorni per alcune tipologie di lavorazioni, fruibili, in entrambi i casi, nell’ambito di un corretto equilibrio fra attivita’ in presenza e da remoto; viene riconosciuto un buono pasto di 4,50 euro. “Quello di oggi e’ un accordo importante che, raccogliendo il contributo dei tanti colleghi che hanno partecipato alle recenti assemblee, consente di superare i contratti individuali, ribadendo quindi che gli accordi collettivi sono il modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione”, commenta il coordinatore FABI Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio. Con l’accordo siglato oggi, tra altro, viene introdotta in via sperimentale la settimana corta, da 4 giorni per 9 ore ciascuno, in circa 250 filiali del gruppo. “Obiettivo della FABI e’ estendere a tutti i colleghi della rete la possibilita’ effettiva di fruire dello smart working e della settimana corta. Confermando la centralita’ del contratto nazionale si e’ ribadito inoltre che l’adibizione allo smart working non rappresenta strumento e/o presupposto di rami d’azienda oggetto di future esternalizzazioni, cosi’ come non incide sulle modalita’ di misurazione della prestazione lavorativa del dipendente”, aggiunge Citterio. (AGI)Gav 261755 MAG 23
INTESA SP: FABI, RAGGIUNTO ACCORDO SU SETTIMANA CORTA E SMART WORKING** = Roma, 26 mag. (Adnkronos) – E’ stato sottoscritto oggi l’accordo tra i sindacati e il gruppo Intesa Sanpaolo per regolare smart working, settimana corta 4×9 e disconnessione. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalla FABI. Per lo smart working, in particolare, viene fissato un tetto a 120 giorni annui, che sale a 140 giorni per alcune tipologie di lavorazioni, fruibili, in entrambi i casi, nell’ambito di un corretto equilibrio fra attività in presenza e da remoto. Inoltre, viene riconosciuto un buono pasto di 4,50 euro. “Quello di oggi è un accordo importante che, raccogliendo il contributo dei tanti colleghi che hanno partecipato alle recenti assemblee, consente di superare i contratti individuali, ribadendo quindi che gli accordi collettivi sono il modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione”, commenta il coordinatore FABI Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio. Con l’accordo siglato oggi, tra altro, viene introdotta in via sperimentale la settimana corta, da 4 giorni per 9 ore ciascuno, in circa 250 filiali del gruppo. “Obiettivo della FABI è estendere a tutti i colleghi della rete la possibilità effettiva di fruire dello smart working e della settimana corta. Confermando la centralità del contratto nazionale si è ribadito inoltre che l’adibizione allo smart working non rappresenta strumento e/o presupposto di rami d’azienda oggetto di future esternalizzazioni, così come non incide sulle modalità di misurazione della prestazione lavorativa del dipendente”, aggiunge Citterio. (Mat/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 26-MAG-23 17:56
Intesa Sp: FABI, raggiunto accordo su settimana corta e smart working Torino, 26 mag. (LaPresse) – È stato sottoscritto oggi dalla FABI (Federazione autonoma bancari italiani) e dalle altre organizzazioni sindacali un accordo con il gruppo Intesa Sanpaolo per regolare smart working, settimana corta 4×9 e disconnessione. Lo riporta una nota precisando che per lo smart working, in particolare, viene fissato un tetto a 120 giorni annui, che sale a 140 giorni per alcune tipologie di lavorazioni, fruibili, in entrambi i casi, nell’ambito di un corretto equilibrio fra attività in presenza e da remoto; viene riconosciuto un buono pasto di 4,50 euro. “Quello di oggi è un accordo importante che, raccogliendo il contributo dei tanti colleghi che hanno partecipato alle recenti assemblee, consente di superare i contratti individuali, ribadendo quindi che gli accordi collettivi sono il modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione”, commenta il coordinatore FABI Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio. Con l’accordo siglato oggi, tra altro, viene introdotta in via sperimentale la settimana corta, da 4 giorni per 9 ore ciascuno, in circa 250 filiali del gruppo. (Segue). ECO NG01 mrc/ntl 261816 MAG 23
Intesa Sp: FABI, raggiunto accordo su settimana corta e smart working-2- Torino, 26 mag. (LaPresse) – “Obiettivo della FABI è estendere a tutti i colleghi della rete la possibilità effettiva di fruire dello smart working e della settimana corta. Confermando la centralità del contratto nazionale si è ribadito inoltre che l’adibizione allo smart working non rappresenta strumento e/o presupposto di rami d’azienda oggetto di future esternalizzazioni, così come non incide sulle modalità di misurazione della prestazione lavorativa del dipendente”, aggiunge Citterio. ECO NG01 mrc/ntl 261816 MAG 23
INTESA SAN PAOLO, FABI: ACCORDO SU SETTIMANA CORTA E SMART WORKING (9Colonne) Milano, 26 mag – È stato sottoscritto oggi dalla FABI e dalle altre organizzazioni sindacali un accordo con il gruppo Intesa Sanpaolo per regolare smart working, settimana corta 4×9 e disconnessione. Per lo smart working, in particolare, viene fissato un tetto a 120 giorni annui, che sale a 140 giorni per alcune tipologie di lavorazioni, fruibili, in entrambi i casi, nell’ambito di un corretto equilibrio fra attività in presenza e da remoto; viene riconosciuto un buono pasto di 4,50 euro. “Quello di oggi è un accordo importante che, raccogliendo il contributo dei tanti colleghi che hanno partecipato alle recenti assemblee, consente di superare i contratti individuali, ribadendo quindi che gli accordi collettivi sono il modo migliore per gestire i grandi cambiamenti della banca in un contesto in continua evoluzione2 commenta il coordinatore FABI Intesa Sanpaolo, Paolo Citterio. Con l’accordo siglato oggi, tra altro, viene introdotta in via sperimentale la settimana corta, da 4 giorni per 9 ore ciascuno, in circa 250 filiali del gruppo. “Obiettivo della FABI è estendere a tutti i colleghi della rete la possibilità effettiva di fruire dello smart working e della settimana corta. Confermando la centralità del contratto nazionale si è ribadito inoltre che l’adibizione allo smart working non rappresenta strumento e/o presupposto di rami d’azienda oggetto di future esternalizzazioni, così come non incide sulle modalità di misurazione della prestazione lavorativa del dipendente” aggiunge Citterio. (fre) 261811 MAG 23